NOVITA'
Home > Videogiochi > Giochi PC > PES 2014: Consigli, Trucchi e Diritte per giocare

PES 2014: Consigli, Trucchi e Diritte per giocare

PES-2014

Con l’uscita di Pro Evolution Soccer 2014, ancora una volta i fan delle simulazioni calcistiche di tutto il mondo si son trovati dinanzi all’eterna lotta: qual è il miglior simulatore di calcio? Per quelli che han deciso di provare Pro Evolution Soccer 2014, magari abituati alla concorrenza, ecco alcuni consigli per divertirsi fin da subito: buon divertimento!

1. Passate la palla. Davvero, fatelo.

Giocando a Pro Evolution Soccer 2014, soprattutto se sono le vostre prime partite, noterete subito una cosa: è molto più difficile tenere il possesso del pallone, rispetto al passato. Il modo più semplice per non perdere di continuo la palla e trovarsi a rincorrere l’avversario è passare, passare spesso e passare subito; occhio anche a non cercare a tutti i costi il passaggio in verticale: fate girare la palla come il miglior Barcellona, prima o poi le maglie si allargheranno a sufficienza per consentirvi la giocata vincente. Non intestarditevi con finte e giochi di prestigio, specialmente se il difensore è a stretto contatto: l’intelligenza artificiale è molto migliorata e la fisica dei contrasti è molto realistica.

2. Rendete il radar semi trasparente

A differenza di FIFA, il radar di Pro Evolution Soccer 2014 non cambia automaticamente da opaco a semi trasparente quando il gioco si sposta in prossimità di esso; andate nelle impostazioni e settate il radar semi trasparente: sarà meno visibile, naturalmente, ma modificando il colore degli indicatori dei giocatori sul radar dovreste riuscire ad ovviare in parte a questo inconveniente.

3. Provate vari settaggi

Pro Evolution Soccer 2014 offre un gran livello di personalizzazione attraverso i settaggi in game, consentendovi di cambiare la velocità del gameplay, il livello di aiuto da parte del computer nei passaggi, nonché quanta ‘clemenza’ vi sarà concessa nel mirare e calibrare la potenza di tiri e passaggi. Vi consigliamo, prima di iniziare campionati e coppe, di trascorrere un po’ di tempo sul campo d’allenamento e giocare con questi slider, fino a trovare la configurazione che più si confà al vostro gioco e alle vostre abitudini.

4. Abituatevi al gameplay in allenamento

Ancora una volta vi consigliamo di spendere del tempo in allenamento, prima di iniziare lunghe competizioni e trovarvi in difficoltà a causa del gameplay diverso dalle vostre abitudini. Per effettuare correttamente un passaggio, ad esempio, sarà importante sia la durata della pressione del tasto direzionale che quella del tasto apposito per il passaggio: i due valori lavorano in coppia per determinare il successo o il fallimento dell’azione. Attivando la guida direzionale, sullo schermo vi apparirà quanto a lungo dovreste tener premuti i tasti per riuscire nel passaggio, a seconda della vostra posizione in campo. Un passaggio a scavalcare una linea difensiva alta richiederà una pressione maggiore rispetto, ad esempio, ad un passaggio corto sulla fascia, dove una cattiva calibrazione del suddetto comporterebbe lo spedire il pallone in fallo laterale con conseguente perdita di possesso. La modalità allenamento è lì per un motivo, non c’è nulla di cui vergognarsi nell’usarla fino a diventare dei provetti calciatori virtuali.

5. Utilizzate il tutorial

Stesso discorso vale anche per il tutorial: dopo un primo sguardo ai comandi di Pro Evolution Soccer 2014, ai neofiti potrebbe venire in mente di star giocando ad un picchiaduro arcade piuttosto che ad una simulazione calcistica, tante sono le possibili combinazioni di tasti. Far pratica attraverso i vari tutorial vi consentirà di apprendere le varie combinazioni passo dopo passo, da quelle più semplici a quelle più avanzate, oltre che a farvi capire con la pratica dove e quando esse vadano usate. Sono i dettagli a fare il campione.

6. Partite da un livello di difficoltà più basso del solito

Quanti giocatori, forti di esperienze pregresse con altri titoli e/o versioni più vecchie, partono subito in quarta con il livello di difficoltà, salvo poi subire severe lezioni dall’ultima in classifica? Bisogna capire che, anche se siete dei campioni a FIFA o a Pro Evolution Soccer 2012, avete pur sempre tra le mani un nuovo gioco, seppur molto simile ai precedenti. Iniziate dal basso, e scalate la vetta!

Cosa ne pensi di questi consigli? Se non sei d’accordo o vuoi aggiungere qualcosa, visita pure il nostro forum!

Leggi Anche

FIFA 15: Guida Configurazione PC per giocare

L’esperienza dei videogiocatori si sta avvicinando sempre più velocemente al reale, per arrivare a questo …